Eccesso di mortalità in UE

Nella primavera del 2020 il numero di decessi in UE ha iniziato a crescere rapidamente a causa del COVID-19: in alcune parti d'Europa i decessi sono stati eccezionalmente numerosi rispetto alla mortalità media degli anni precedenti. Da qui è nata l'idea di valutare l'impatto della pandemia guardando all'eccesso di mortalità, ovvero all'aumento del numero totale di decessi, per qualsiasi causa, rispetto ai decessi degli anni precedenti.

In totale si sono verificati in UE 580.000 decessi in più tra marzo e dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo nel 2016-2019. Durante la prima fase del COVID-19 l'eccesso di mortalità in UE ha raggiunto il suo primo picco nell'aprile 2020, con un aumento del 25% rispetto alla media dello stesso mese nel periodo 2016-2019. 

Sebbene la mortalità in eccesso sia stata osservata durante la maggior parte dell'anno in Europa, i picchi e l'intensità dei focolai variavano notevolmente da un paese all'altro. 

Per i dati relativi all'Abruzzo consultare la news del 08/03/2021.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.
 

Mercoledì 17 Marzo 2021
Modificato
Venerdì 08 Ottobre 2021



Altre Notizie

17/11/2021
Mortalità in UE - Settembre 2021

L'eccesso‎‎ di mortalità ‎‎in UE‎‎ è nuovamente aumentato durante i mesi estivi. Dopo un minimo del +5% a luglio, questo indicatore è salito a +8…

Leggi tutto
15/11/2021
Consumo di sigarette in UE

Nel 2019 il 18,4% della popolazione ‎‎UE ‎‎di età pari o superiore a 15 anni ha dichiarato di essere fumatore giornaliero di sigarette. Nello…

Leggi tutto
08/11/2021
Capacità di scaldare le case in UE

Un'indagine a livello UE ha concluso che nel 2020 l'8% della popolazione UE‎‎ ha dichiarato di non essere in grado di mantenere la propria casa…

Leggi tutto