Popolazione UE in diminuzione

Dopo un primo calo della ‎‎crescita demografica‎‎ nel 2020 a causa dell'impatto della pandemia Covid 19, la popolazione UE è nuovamente diminuita nel 2021, passando da 447 milioni il 1° gennaio 2021 a 446,8 il 1° gennaio 2022. Il ‎‎saldo naturale‎‎ negativo (più ‎‎morti ‎‎che ‎‎nascite‎‎) ha superato in numero la ‎‎migrazione netta‎‎ positiva per il secondo anno, molto probabilmente a causa dell'impatto della pandemia. In UE nel 2020 si sono registrati 531.000 decessi in più del 2019, mentre nel 2021 ci sono stati 113.000 decessi in più rispetto al 2020.‎

‎La popolazione dei singoli Stati Membri UE al 1° gennaio 2022 variava da 0,5 milioni registrati a Malta a 83,2 milioni della Germania. Germania, Francia e Italia al 1° gennaio 2022 insieme rappresentavano quasi la metà (47%) della popolazione totale UE.‎

L'Italia al 1° gennaio 2022 contava 58.983.122 abitanti, continuando il trend negativo rispetto al 2019 (59.816.673), al 2020 (59.641.488) e al 2021 (59.236.213).

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Lunedì 11 Luglio 2022
Modificato
Lunedì 11 Luglio 2022



Altre Notizie

Popolazione semi-supercentenaria in Abruzzo

L'Istat pubblica i dati sulla popolazione semi-supercentenaria, aggiornati al 1° gennaio 2022.

Per approfondimenti consultare l'allegato e…

Leggi tutto
LO SPOPOLAMENTO IN ABRUZZO

L’Ufficio di statistica della Regione Abruzzo partecipa al tavolo tecnico regionale deputato a realizzare gli obiettivi previsti…

Leggi tutto
Popolazione in Abruzzo e nelle province nel 2050

Al 1° gennaio 2021 in Italia i giovani (di età compresa tra 15 e 29 anni)…

Leggi tutto