Immigrazione in UE

Immigrazione in UE

Nel 2020 a 137.800 cittadini di paesi terzi è stato negato l'ingresso nel territorio UE, mentre 557.500 sono stati trovati illegalmente presenti in uno degli Stati Membri UE. Il numero di cittadini extra-UE intimati con un ordine a lasciare uno Stato Membro UE era di 396.400 persone.‎

‎A seguito di un ordine di rimpatrio, 99.300 cittadini extra-UE sono stati rimpatriati in un altro paese (compresi altri Stati Membri UE): di questi 70.200 sono stati rimpatriati al di fuori dell'UE.‎

‎Rispetto al 2019 si osservano cali per tutti questi principali indicatori e riflettono l'impatto della pandemia di COVID-19, comprese le chiusure temporanee delle autorità nazionali e le restrizioni di viaggio.‎

Il numero di cittadini extra-UE trovati illegalmente presenti in Italia ed obbligati a lasciarla era pari a 22.800 persone, 2.815 delle quali rimpatriate al di fuori dell'UE; inoltre a 4.000 cittadini di paesi terzi è stato negato l'ingresso in Italia.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Venerdì 16 Luglio 2021
Modificato
Venerdì 16 Luglio 2021



Altre Notizie

Bambini a rischio povertà in UE

Nel 2020 in UE il 24,2% dei bambini (meno di 18 anni) ‎‎era ‎‎a rischio povertà o esclusione sociale‎‎ rispetto al 21,7% degli adulti (18-64 anni…

Leggi tutto
Regioni d'Europa - L'Abruzzo in UE

La pubblicazione "Regioni in Europa - Edizione interattiva 2021"offre un'ampia varietà di visualizzazioni dinamiche con brevi testi oggettivi che…

Leggi tutto
Indice di dipendenza degli anziani in UE, Italia, Abruzzo e provincia

L'indice della dipendenza degli anziani in UE‎‎ è cresciuto notevolmente negli ultimi 20 anni. Nel 2001 l'indice della dipendenza degli anziani UE…

Leggi tutto