Immigrazione in UE

Immigrazione in UE

Nel 2020 a 137.800 cittadini di paesi terzi è stato negato l'ingresso nel territorio UE, mentre 557.500 sono stati trovati illegalmente presenti in uno degli Stati Membri UE. Il numero di cittadini extra-UE intimati con un ordine a lasciare uno Stato Membro UE era di 396.400 persone.‎

‎A seguito di un ordine di rimpatrio, 99.300 cittadini extra-UE sono stati rimpatriati in un altro paese (compresi altri Stati Membri UE): di questi 70.200 sono stati rimpatriati al di fuori dell'UE.‎

‎Rispetto al 2019 si osservano cali per tutti questi principali indicatori e riflettono l'impatto della pandemia di COVID-19, comprese le chiusure temporanee delle autorità nazionali e le restrizioni di viaggio.‎

Il numero di cittadini extra-UE trovati illegalmente presenti in Italia ed obbligati a lasciarla era pari a 22.800 persone, 2.815 delle quali rimpatriate al di fuori dell'UE; inoltre a 4.000 cittadini di paesi terzi è stato negato l'ingresso in Italia.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Venerdì 16 Luglio 2021
Modificato
Venerdì 16 Luglio 2021



Altre Notizie

Dati demografici UE ‎

‎‎In occasione della Giornata mondiale della popolazione dell'11 luglio, Eurostat pubblica oggi la ‎‎pubblicazione interattiva Demografia dell'…

Leggi tutto
Matrimoni e divorzi in UE

La tendenza a lungo termine nell'Unione Europea mostra che il numero di matrimoni sta diminuendo, mentre il numero di divorzi è in aumento. Dal…

Leggi tutto
Nascite in UE

Nel 2019 in Unione Europea (UE) sono nati 4,17 milioni di bambini, continuando una tendenza al ribasso iniziata dopo il 2008, quando in UE erano…

Leggi tutto