Partner commerciali UE per i servizi

Nel 2020 gli Stati Membri ‎‎UE‎‎ hanno esportato in Paesi extra-UE servizi per un valore di 910 miliardi di euro, con una diminuzione del 15% rispetto al 2019. Le importazioni ‎‎extra-UE‎‎ si sono attestate a 878 miliardi di euro, in calo del 14% rispetto al 2019. La diminuzione nel 2020 è dovuta all'impatto della pandemia di COVID-19 e delle relative misure sanitarie. Circa il 90% del calo delle esportazioni e il 60% delle importazioni è dovuto a una diminuzione dei servizi di viaggio e trasporto.‎

Nell'ultimo decennio, la ‎‎bilancia‎‎ degli scambi di servizi UE è passata da 76 miliardi di euro nel 2010 a un picco di 134 miliardi di euro nel 2018 prima di scendere a 33 miliardi di euro nel 2020.‎

Nel 2020 i principali partner commerciali UE per i servizi sono stati gli Stati Uniti e il Regno Unito. Gli Stati Uniti e il Regno Unito sono stati ciascuno la destinazione di un quinto (20%) dei servizi esportati dagli Stati Membri UE davanti alla Svizzera (12%).‎
‎Gli Stati Uniti sono stati all'origine di circa un terzo (30%) dei servizi importati in UE da Paesi terzi, seguiti dal Regno Unito (18%) e dalla Svizzera (7%).‎

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Martedì 01 Febbraio 2022
Modificato
Martedì 01 Febbraio 2022



Altre Notizie

14/06/2022
Commercio estero - Abruzzo

Scambi commerciali complessivi in valore economico dell'Abruzzo e province avvenuti nel 2021 con altri Paesi. 

Leggi tutto
06/04/2022
Commercio di medicinali e prodotti farmaceutici in UE

Tra il 2002 e il 2021 ‎‎le esportazioni‎‎ di medicinali e prodotti farmaceutici in UE‎‎ sono cresciute sensibilmente, più ‎‎delle importazioni‎‎,…

Leggi tutto
25/03/2022
Scambi commerciali di prodotti agricoli in UE

Nel 2021 il valore degli scambi (importazioni più esportazioni) di prodotti agricoli tra UE e il ‎‎resto del Mondo‎‎ ha raggiunto i 347,0 miliardi…

Leggi tutto