Combustibili fossili in UE

Nel 2020 i combustibili fossili hanno rappresentato il 70% dell'energia lorda disponibile in UE, in calo rispetto al 71% del 2019. Questa percentuale è diminuita significativamente negli ultimi decenni; -13 ‎‎punti percentuali‎‎ (pp) dal 1990, primo anno per il quale sono disponibili i dati. Ciò è dovuto principalmente all'aumento ‎‎delle energie rinnovabili‎‎.‎

Nel 2020 Malta (97%) è stato lo Stato Membro UE con la più alta quota di combustibili fossili nell'energia lorda disponibile, seguita da Paesi Bassi (90%), Cipro (89%), Irlanda (87%) e Polonia (86%). La maggior parte degli altri Stati Membri ha registrato quote comprese tra il 60% e l'85%. Solo Svezia (31%), Finlandia (41%), Francia (48%), Lettonia (57%) e Danimarca (59%) hanno presentato quote inferiori al 60%.‎

Nel 2020 in Italia i combustibili fossili hanno rappresentato il 78% dell'energia lorda disponibile.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Mercoledì 16 Febbraio 2022
Modificato
Mercoledì 16 Febbraio 2022



Altre Notizie

10/08/2022
Consumo di suolo in Abruzzo - 2021

In Abruzzo il suolo consumato al 2021 è pari a 54.210 ettari, in aumento dello 0,78%…

Leggi tutto
26/07/2022
Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici. Edizione 2022

Il 26 luglio alle ore 10, è stata presentata l’edizione 2022 del Rapporto “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici” a cura…

Leggi tutto
28/06/2022
Risorse idriche in Abruzzo - anno 2018

"Statistica in pillole" - n° 06 giugno 2022 

Risorse Idriche. Acqua per uso civile in Abruzzo. Anno 2018.

 

Leggi tutto