Divario pensionistico di genere in UE

Nel 2019 in UE le donne di età superiore ai 65 anni hanno percepito una pensione mediamente inferiore del 29% rispetto a quella degli uomini. Tuttavia nel tempo il divario pensionistico di genere è diminuito ed è ora inferiore di quasi 5 punti percentuali rispetto al 2010 (34%).

Sebbene le donne ricevano pensioni più basse degli uomini in tutti gli Stati Membri UE, l'entità della distanza varia notevolmente: la differenza maggiore è stata osservata in Lussemburgo, dove le donne di età superiore ai 65 anni hanno ricevuto il 44% in meno di pensione rispetto agli uomini, seguito da vicino da Malta e Paesi Bassi (entrambi 40%), Cipro (39%), Austria (37%) e Germania (36%); d'altra parte, la differenza di reddito minore tra la pensione di donne e uomini è stata registrata in Estonia (2%), seguita da Danimarca (7%), Ungheria (10%), Slovacchia (11%) e Repubblica Ceca (13%).

L'Italia, con il 32% di differenza tra la pensione degli uomini e quella delle donne, si posiziona leggermente al di sopra della media europea.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Giovedì 04 Febbraio 2021
Modificato
Giovedì 25 Marzo 2021



Altre Notizie

Bilancio demografico stranieri 2020

In Abruzzo, al 31 dicembre 2020 gli stranieri residenti erano 82.568, 936 in meno rispetto al 31 dicembre 2019 (83.504), di cui 38.728 maschi e 43…

Leggi tutto
Bambini a rischio povertà in UE

Nel 2020 in UE il 24,2% dei bambini (meno di 18 anni) ‎‎era ‎‎a rischio povertà o esclusione sociale‎‎ rispetto al 21,7% degli adulti (18-64 anni…

Leggi tutto
Regioni d'Europa - L'Abruzzo in UE

La pubblicazione "Regioni in Europa - Edizione interattiva 2021"offre un'ampia varietà di visualizzazioni dinamiche con brevi testi oggettivi che…

Leggi tutto