Combustibili fossili in UE

Nel 2020 i combustibili fossili hanno rappresentato il 70% dell'energia lorda disponibile in UE, in calo rispetto al 71% del 2019. Questa percentuale è diminuita significativamente negli ultimi decenni; -13 ‎‎punti percentuali‎‎ (pp) dal 1990, primo anno per il quale sono disponibili i dati. Ciò è dovuto principalmente all'aumento ‎‎delle energie rinnovabili‎‎.‎

Nel 2020 Malta (97%) è stato lo Stato Membro UE con la più alta quota di combustibili fossili nell'energia lorda disponibile, seguita da Paesi Bassi (90%), Cipro (89%), Irlanda (87%) e Polonia (86%). La maggior parte degli altri Stati Membri ha registrato quote comprese tra il 60% e l'85%. Solo Svezia (31%), Finlandia (41%), Francia (48%), Lettonia (57%) e Danimarca (59%) hanno presentato quote inferiori al 60%.‎

Nel 2020 in Italia i combustibili fossili hanno rappresentato il 78% dell'energia lorda disponibile.

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Mercoledì 16 Febbraio 2022
Modificato
Mercoledì 16 Febbraio 2022



Altre Notizie

22/04/2022
Emissioni di gas serra per occupato in UE

Dal 2010 le emissioni di ‎‎gas serra‎‎ (GHG) per persona occupata sono in continua riduzione ‎‎in UE‎, a causa di una combinazione di diminuzione…

Leggi tutto
24/03/2022
Temperatura e precipitazioni nelle città capoluogo di provincia. Anno 2020

In occasione della Giornata mondiale della Metereologia celebrata il 23 marzo, l'Istat diffonde l’aggiornamento per l'anno 2020 di statistiche e…

Leggi tutto
15/02/2022
Emissioni di gas serra in UE

Nel terzo trimestre del 2021 le emissioni di ‎‎gas serra‎‎ ‎‎dell'economia UE ‎‎sono state pari a 881 milioni di tonnellate di ‎CO2‎-…

Leggi tutto