Popolazione residente - condizione professionale

CONSULTA LA BANCA DATI

L'argomento fornisce informazioni sulla popolazione residente di 15 anni e oltre e sulla condizione professionale rilevata nei censimenti passati.

 

Note:

  • E’ importante per una corretta consultazione dei dati, non rimuovere il filtro applicato alla classe di età >=15 anni. Tale filtro è stato inserito per rendere confrontabili i dati tra i censimenti del 1981, 1991 e 2001, sebbene fino al censimento del 1991 veniva considerata in condizione professionale la popolazione da 14 anni in su, a differenza del 2001 (preso come riferimento) che invece considerava in condizione professionale la popolazione di 15 anni e oltre.
  • Forze di lavoro e non forze di lavoro
    L’aggregato delle Forze di lavoro è costituito dall’insieme degli occupati e delle persone in cerca di occupazione. La parte rimanente della popolazione costituisce le Non forze di lavoro tra i quali vi sono i ritirati dal lavoro, ovvero le persone di 15 anni e più che hanno cessato un’attività lavorativa per raggiunti limiti di età, invalidità o altra causa. La figura del ritirato dal lavoro non coincide necessariamente con quella del pensionato in quanto non sempre il ritirato dal lavoro gode di una pensione.
  • Occupati
    Le persone di 15 anni e più che nella settimana di riferimento (dal 14 al 20 ottobre 2001) hanno svolto un’occupazione in proprio o alle dipendenze da cui traggono un profitto o una retribuzione (si deve considerare qualsiasi tipo di reddito: salario, stipendio, onorario, profitto, rimborso spese, eventuali pagamenti in natura, vitto e alloggio). Comprendono, inoltre, quanti collaborano con un familiare che svolge attività lavorativa in conto proprio senza avere un regolare contratto di lavoro o una retribuzione (coadiuvante familiare). Qualunque forma di lavoro atipico, con o senza contratto, costituisce un requisito sufficiente per essere incluso tra gli occupati, purché le ore di lavoro prestate abbiano un corrispettivo monetario o in natura. L’aggregato degli occupati è composto dalle persone che si sono dichiarate occupate e da coloro i quali pur essendosi dichiarati in un'altra condizione (disoccupato, in cerca di prima occupazione, studente, casalinga, ecc.) nella settimana di riferimento hanno effettuato una o più ore di lavoro retribuito o come coadiuvanti familiari. Non devono considerarsi occupati: chi frequenta un corso universitario per il conseguimento del dottorato di ricerca, i medici che frequentano la scuola di specializzazione, i titolari di borse di studio e le persone che svolgono attività di volontariato sociale non retribuito, chi sta assolvendo gli obblighi di leva o sta svolgendo il servizio civile indipendentemente dal fatto che la persona possiede un’occupazione con diritto alla conservazione del posto.
  • Persone in cerca di occupazione
    Tutti i non occupati di 15 anni e più che dichiarano al contempo:
    • di aver cercato, nelle quattro settimane che precedono la rilevazione, attivamente un lavoro alle dipendenze o predisposto i mezzi per avviare un'attività in proprio;
    • di essere immediatamente disponibili, entro due settimane, ad accettare un lavoro qualora venga loro offerto.

Ad essi vanno aggiunti coloro che dichiarano essere in attesa di iniziare un lavoro che hanno già trovato per i quali non viene applicato né il criterio della ricerca attiva né quello della immediata disponibilità. Tra le persone in cerca di occupazione possono essere individuate le persone in cerca di prima occupazione e i disoccupati in cerca di nuova occupazione.

  • Persone in cerca di prima occupazione
    Persone in età di 15 anni e più che:
    • hanno concluso, sospeso, abbandonato un ciclo di studi;
    • non hanno mai esercitato un'attività lavorativa o avendo cessato un'attività in proprio o avendo smesso "volontariamente" di lavorare per un certo periodo di tempo (almeno 1 anno) sono alla ricerca attiva di un'occupazione e sono in grado di accettarla se gli viene offerta.
  • Disoccupati in cerca di nuova occupazione
    Persone di 15 anni e più che, avendo perduto una precedente occupazione alle dipendenze, sono alla ricerca attiva di un’occupazione e sono in grado di accettarla se viene loro offerta.

 

Fonte dati: Istat