22.06.2020 - Impatto COVID-19 sul commercio UE con la Cina

Le misure adottate dagli Stati Membri UE per prevenire la diffusione della pandemia di COVID-19, iniziata a metà marzo, erano in pieno vigore nell'aprile 2020. Poiché il COVID-19 è stato identificato per la prima volta nella città cinese di Wuhan, la Cina ha già introdotto le sue prime misure restrittive a metà gennaio 2020. I dati di inizio 2020 mostrano già impatti significativi di queste restrizioni sugli scambi internazionali di merci.

Il commercio destagionalizzato UE (importazioni + esportazioni) con la Cina √® sceso da 46,5 miliardi di euro nel gennaio 2020 a 43,1 miliardi di euro nel febbraio 2020. Nel marzo 2020, il commercio UE con la Cina √® sceso ulteriormente a 41,9 miliardi di euro, mentre ad aprile 2020 √® tornato al di sopra del livello di gennaio 2020 a ‚ā¨ 49,0 miliardi.

Questa notizia è stata pubblicata in occasione del vertice UE - Cina, che si svolge oggi a Bruxelles.

Per approfondimenti consultare il Report Eurostat.

Data: 
22/06/2020
In: