03.12.2019 - La valutazione degli studenti nel mondo secondo un'indagine OCSE

PISA - acronimo di Programme for International Student Assessment - è un’indagine internazionale promossa dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) oggi alla sua settima edizione (PISA 2018) che coinvolge più di 80 Paesi e per l’Italia hanno partecipato 11.785 studenti quindicenni, divisi in 550 scuole totali.

PISA ha le seguenti caratteristiche:

• è la più garnde indagine internazionale nel campo dell'educazione;
• ha come oggetto di indagine gli studenti quindicenni;
• valuta la preparazione degli studenti ad affrontare la vita adulta;
• rileva le competenze degli studenti in matematica, scienze, lettura e in ambito finanziario;
• raccoglie informazioni di contesto sulle pratiche educative nei paesi partecipanti.

Dai risultati emerge che gli studenti italiani peggiorano nella lettura: ottengono, un punteggio di 476, inferiore alla media (487), collocandosi tra il 23° e il 29° posto. Il punteggio non si differenzia da quello di Svizzera, Lettonia, Ungheria, Lituania, Islanda e Israele. Le province cinesi di Beijing, Shanghai, Jiangsu, Zhejiang e Singapore ottengono un punteggio medio superiore a quello di tutti i paesi che hanno partecipato all'indagine.

Diciannove quindicenni italiani su venti non riescono a distinguere tra fatti e opinioni quando leggono un testo di un argomento a loro non familiare, mentre gli studenti che hanno difficoltà con gli aspetti di base della lettura sono uno su quattro: non riescono ad identificare, per esempio, l'idea principale di un testo di media lunghezza.

Uno studente su quattro non sa la matematica

Gli studenti italiani hanno ottenuto un punteggio medio in linea con la media dei paesi OCSE (Italia 487 contro OCSE 489). Il nostro punteggio medio è risultato simile a quello di Portogallo, Australia, Federazione Russa, Repubblica Slovacca, Lussemburgo, Spagna, Georgia, Ungheria e Stati Uniti.Dal rapporto emerge che uno studente su 4 non raggiunge il livello base di competenza in matematica sia in Italia che nei Paesi Ocse. Gli studenti liceali (522 punti) ottengono risultati superiori a quelli degli studenti degli Istituti tecnici (482), degli Istituti professionali (405) e della Formazione professionale (423).

Anche in Scienze 1 su 4 non sufficiente

Uno studente su quattro in Italia non raggiunge il livello base di competenze scientifiche, nei Paesi Ocse è di 1 su 5. I trend dei risultati in scienze nei paesi OCSE indicano una parabola negativa: al lento miglioramento osservato fino al 2012 ha fatto seguito un calo nel periodo 2012-18, e nel 2018 la performance media dei paesi OCSE è tornata al valore rilevato nel 2006.

Data: 
03/12/2019
In: