Abbandono scolastico in UE

La quota di "giovani che lasciano la scuola precocemente", un termine che si riferisce ai giovani che lasciano precocemente l'istruzione e la formazione (18-24 anni), è costantemente diminuita nell'Unione Europea (UE) negli ultimi 10 anni (dal 13,8% del 2010 al 9,9% nel 2020).‎

Nel 2020, gli Stati Membri che hanno registrato la quota più bassa di persone che hanno lasciato anticipatamente l'istruzione e la formazione sono stati Croazia (2,2%), Grecia (3,8%), Slovenia (4,1%), Irlanda (5,0%) e Polonia (5,4%); le quote più alte sono state invece registrate a Malta (16,7%), Spagna (16,0%), Romania (15,6%), Italia (13,1%) e Bulgaria (12,8%).‎

Per approfondimenti consultare l'allegato Eurostat.

Venerdì 25 Giugno 2021
Modificato
Venerdì 25 Giugno 2021



Altre Notizie

Insegnanti in UE

Le donne rappresentavano la maggior parte di questa forza lavoro; nel 2019 il 73% degli insegnanti impiegati nell'istruzione primaria, secondaria…

Leggi tutto
Lingue studiate in UE

Nel 2019 in UE il 59% degli alunni dell'istruzione secondaria superiore ‎‎(livello ISCED 34)‎‎ ha studiato due o più lingue straniere. Tra tutti i…

Leggi tutto
Istruzione secondaria superiore in UE

Nel 2020 l'84% della popolazione ‎‎UE‎‎ di età compresa tra i 20 e i 24 anni aveva almeno un livello di istruzione secondaria superiore: si tratta…

Leggi tutto